Gare e Appalti Pubblici, le garanzie provvisorie e definitive

0
138

Ecco cosa bisogna fare e qual’è la nostra assistenza e consulenza assicurativa

Se hai un Impresa e partecipi alle Gare di Appalto bandite dalla Pubblica Amministrazione hai sicuramente necessità di individuare un partner Assicurativo che ti offra consulenza ed assistenza per il reperimento delle garanzie necessarie per poterti aggiudicare l’appalto.

A La Tua Impresa si candida a diventare “APPALTATRICE”, ossia il soggetto che assume, a proprio rischio, l’esecuzione:

  1. Opera pubblica
  2. Prestazione di un servizio
  3. Fornitura di un bene

Quindi la Tua Impresa può eseguire dei lavori di manutenzione, di rifacimento, di pulizia o prestare un servizio documentale, interinale o effettuare una fornitura di cancelleria, di attrezzature.

E la Tua Impresa, in questo caso, dovrà dimostrare di possedere i requisiti di

  1. Idoneità professionale
  2. Capacità tecnica
  3. Capacità economica
  4. Capacità finanziaria

Oltre a versare una cauzione, che può essere presentata tramite fideiussione bancaria o assicurativa.

Ricordiamo che la fideiussione, è un istituto giuridico regolato dal Codice Civile all’articolo 1936 e prevede la presenza di tre soggetti:

  1. Contraente, ossia chi stipula un contratto di appalto (nel nostro caso l’impresa appaltatrice);
  2. Fidejubente, che garantisce l’adempimento delle obbligazioni del contraente;
  3. Beneficiario, in questo caso l’Ente Pubblico che indice l’appalto e che viene garantito dal contratto di fideiussione tra fideiussore e contraente.

La garanzia Provvisoria e Definitiva

I due istituti sono richiamati dagli articoli 93 e 103 del Decreto Legislativo n. 50 del 18 aprile 2016 (Codice degli Appalti tratto da Biblus.net Rev. 7.8) che ha riformato il Codice dei Contratti Pubblici che regolamenta e stabilisce le condizioni per cui una Impresa possa partecipare ad una Gara di Appalto Pubblica.

La garanzia provvisoria

L’articolo 93, comma 1 del Dlgs 50/2016, recita che l’Impresa che intenda partecipare a una Gara d’Appalto Pubblico deve presentare una garanzia, detta anche “GARANZIA PROVVISORIA”, che corrisponda di valore al 2% del prezzo base indicato nel Bando di Gara.

 La garanzia deve essere presentata dall’Impresa sotto forma di cauzione o di fideiussione, a scelta, rilasciata da un soggetto regolarmente iscritto negli Albi previsti da Banca D’Italia o da IVASS e autorizzato al rilascio delle fideiussioni secondo quanto riportato dal D. Lgs. 348/42.

Vi sono delle eccezioni in cui questa garanzia può anche essere ridotta all’1% dell’importo della Gara di Appalto o estesa fino al 4%.

Perché si richiede una Garanzia Provvisoria?

Questa garanzia tutela l’Ente Appaltante sull’affidabilità del concorrente e delle offerte ricevute.

Infatti, il rilascio di questa garanzia, viene effettuato da un terzo soggetto, che analizza, secondo dei precisi criteri, la situazione patrimoniale, la capacità finanziaria, la situazione economica dell’Impresa e di altri soggetti partecipanti all’Impresa (amministratore, titolare, soci, ecc.).

È ovvio, che in caso di deprecate situazioni in cui potrebbe versare un’Impresa, come ad esempio quella di una sopraggiunta crisi economica o la presenza di segnalazioni di pregiudizievoli, l’Impresa non potrà ricevere questo prodotto assicurativo o bancario.

Ecco come una Garanzia Provvisoria, per un Ente Pubblico diventa una sicurezza nel valutare in anticipo la partecipazione di un’Impresa ad una Gara di Appalto.

La Garanzia Provvisoria, pertanto garantisce l’impegno dell’Impresa, in caso di aggiudicazione dell’Appalto, nel sottoscrivere il contratto con la Pubblica Amministrazione, avente tutti gli obblighi previsti dal disciplinare e, contestualmente, nel sottoscrivere una seconda garanzia detta “Definitiva”.

La garanzia definitiva

L’Impresa che si aggiudica la Gara di Appalto, è tenuta nel sottoscrivere una seconda garanzia, denominata “GARANZIA DEFINITIVA” e, a sua scelta, può depositare la stessa sotto forma di cauzione o fideiussione rilasciata sia da una banca o da una società di assicurazione o intermediario finanziario ex art. 106 D. Lgs. 385/93 T.U.B. (autorizzati al rilascio di fideiussioni e cauzioni), di valore pari al 10% dell’importo contrattuale.

La garanzia definitiva è normata dall’articolo 103 del Codice degli Appalti.

E con questa seconda garanzia, che arriva in sostituzione quella Provvisoria a tutela l’Ente Appaltante e che garantisce tutti gli adempimenti ed obbligazioni assunte dall’Impresa in relazione a quanto stabilito nell’Appalto.

L’articolo 103, comma 5 del Codice degli Appalti, stabilisce come suddetta Garanzia Definitiva, sarà poi in progressione svincolata, in base all’avanzamento, dell’esecuzione dei lavori, dei servizi o della fornitura, stabilendo un limite massimo dell’80% del valore iniziale dell’importo garantito.

In ultimo, il residuo ammontare ovvero il 20% della Garanzia Definitiva, rimane fino alla data di emissione del certificato del collaudo provvisorio o fino a oltre 12 mesi dalla data del termine dei lavori.

Lo svincolo del beneficiario ovvero dell’Ente Appaltante sarà automatico.

Preventivi Consulenza GRATUITA

Richiedi una nostra valutazione di Pre Fattibilità completamente GRATUITA e un PREVENTIVO

Hai GRATUITAMENTE una nostra Prima Valutazione e Preventivo per la Tua Polizza Fideiussoria.

Il nostro sistema si avvale di Broker Assicurativi e Società di Assicurazioni specializzati nel ramo delle Fideiussioni e Cauzioni.

Hai a disposizione il migliori preventivo con la migliore quotazione.

Accedi o Registrati al nostro portale
Entra nella Tua Area Riservata.

Oltre che richiedere il Preventivo, avrai la possibilità di istruire la Tua pratica, conoscere tutte le info sul nostro settore ed essere aggiornato costantemente sul Mercato delle fidejussioni e cauzioni.